Anziani e Sport: le attività fisiche più indicate


23 Febbraio 2023

Molte persone ritengono, erroneamente, che una volta raggiunta la terza età sia meglio mettere i muscoli a riposo e salutare per sempre lo sport. Esauriti gli impegni lavorativi e insorti i primi dolori e malesseri fisici, gli anziani tendono ad assumere uno stile di vita sempre più sedentario, abbandonando l’attività motoria e l’esercizio fisico, con conseguenze per il proprio benessere psico-fisico.

E’ importante sapere che la sedentarietà è tristemente associata a una maggiore incidenza di mortalità dovuta a malattie cardiovascolari, tumorali e diabete.

Svolgere regolare attività motoria è fondamentale a tutte le età; per gli over 65 costituisce un indispensabile alleato per prevenire l’insorgenza di malattie cardiovascolari e altre patologie che iniziano ad affacciarsi con l’avanzare dell’età, come osteoporosi e artrosi, rafforzando i muscoli e migliorando la mobilità. Senza contare i numerosi effetti positivi che lo sport, praticato con costanza e regolarità, apporta sulla mente e sul benessere psicologico e sul mantenimento delle capacità cognitive.

Quali attività fisiche sono più indicate per una persona anziana? Quali benefici si possono trarre? Scopriamolo insieme nei prossimi paragrafi.

Anziani e sport: quale attività fisica scegliere?

Dedicare una parte del nostro tempo libero all’attività motoria significa compiere una scelta a favore della nostra salute fisica e mentale. Lo sport, infatti, ritarda i processi di invecchiamento, previene le malattie ad esso connesse e migliora la qualità della vita sia dal punto di vista fisico che mentale.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha rilasciato nel 2020 delle linee guida aggiornate riguardanti i livelli e le tempistiche con cui svolgere attività fisica per ottenere benefici per la salute, distinguendoli per fasce di età. In particolare gli over 65:

dovrebbero praticare almeno 150-300 minuti settimanali di attività fisica aerobica di moderata intensità o 75-150 minuti settimanali di attività fisica aerobica vigorosa, oppure combinazioni equivalenti delle due modalità.

Inoltre sono fortemente raccomandati anche esercizi mirati al rafforzamento muscolare, da svolgere almeno due volte a settimana. Dunque, quali sono le attività migliori per le persone sopra i 65 anni?

Nuoto

Il nuoto è certamente uno degli sport più indicati per aiutare le persone anziane a mantenersi in salute senza incorrere nel rischio di traumi o gravi infortuni. E’ una disciplina motoria accessibile a qualsiasi età, che richiama all’azione molti gruppi muscolari pur mantenendosi a basso impatto grazie all’azione dell’acqua che, sostenendo il peso del corpo, ammortizza gli urti e protegge le ossa e le articolazioni.

Acquagym

La ginnastica in acqua è senza dubbio un’altra attività fisica perfetta per i non più giovanissimi. Anche in questo caso, dal momento che tutti i movimenti avvengono in acqua, l’impatto sulle articolazioni e il rischio di traumi e infortuni sono pressoché inesistenti.

L’attrito dell’acqua, inoltre, applica una leggera resistenza che rallenta i movimenti e ne facilita l’esecuzione, allenando la forza e la resistenza di chi pratica Acquagym e tutte le sue varianti.

Ginnastica dolce

La ginnastica dolce è una delle attività fisiche a terra ideali per tutti coloro che desiderano rimettersi in moto a seguito di un lungo periodo di sedentarietà, soprattutto se anziani. Gli esercizi consistono in movimenti lenti, graduali e a basso impatto, concentrandosi sui singoli gruppi muscolari e migliorando in questo modo la mobilità, la resistenza e la coordinazione del corpo.

Inoltre, la ginnastica dolce prevede numerosi esercizi svolti da seduti, dunque assolutamente adatti alle persone che faticano a stare a lungo in piedi.

Pilates

Un’altra disciplina motoria a terra accessibile alle persone anziane è il Pilates. Grazie a un lavoro mirato sulle regioni addominale e dorsale, il Pilates influisce positivamente sul corpo rafforzando la muscolatura, sviluppando elasticità e fluidità nei movimenti e migliorando la postura.

In più, il Pilates permette di costruire un sano equilibrio tra corpo e mente e di sciogliere tutte le tensioni fisiche e mentali che affliggono la persona nella sua quotidianità, migliorando anche la qualità del sonno.

Palestra

Anche gli esercizi in palestra costituiscono un valido alleato per la popolazione anziana contro l’invecchiamento e il rischio di malattie ad esso legate. In questo caso il programma di allenamento deve essere modellato con attenzione sulla base della condizione fisica e delle eventuali patologie della persona per evitare traumi o infortuni.

Per questo motivo è necessario che l’allenamento in palestra, essenziale per lo sviluppo della forza e della resistenza muscolare, respiratoria e cardiovascolare, sia seguito da un professionista, un Personal Trainer esperto che guidi la persona nell’esecuzione corretta dei movimenti, garantendo efficacia e sicurezza.

Anziani e sport: i benefici per il corpo e la mente

Tutte le attività motorie elencate nel paragrafo precedente sono fonti inesauribili di benessere fisico e mentale. Di seguito tutti i benefici che una persona adulta o anziana può trarre praticando attività fisica regolare e continua:

Gli effetti positivi sul corpo

  • prevenire le malattie cronico-degenerative dovute all’invecchiamento
  • previene e allevia i sintomi di malattie cardiovascolari e metaboliche
  • tonifica i muscoli e rafforza la struttura ossea
  • aumenta la coordinazione motoria
  • riduce il tessuto adiposo in eccesso
  • migliora la mobilità e l’equilibrio, riducendo il rischio di cadute
  • rallenta l’involuzione dell’apparato muscolo-scheletrico.

I vantaggi per la salute mentale

Lo sport ha un impatto positivo anche sulla mente, in quanto:

  • riduce drasticamente lo stress
  • risolve condizioni di solitudine, poiché può essere svolto in compagnia,
  • contrasta il decadimento cognitivo.

Da non dimenticare, inoltre, gli effetti benefici sull’umore, che tengono alla larga ansia e depressione.

Esistono numerosi studi scientifici che dimostrano con evidenze il ruolo chiave dell’attività fisica nella prevenzione di patologie dovute all’invecchiamento e, in particolare, di disturbi somatici e mentali. Il processo di invecchiamento, infatti, è strettamente connesso ai cambiamenti che il corpo subisce nel corso della vita di una persona, che spesso accompagnano l’insorgere di malesseri o veri e propri disturbi mentali.

Insomma, le evidenze scientifiche dimostrano ampiamente che praticare attività fisica con continuità aiuta a invecchiare bene, aumentando la qualità della vita.

CONTESTO DI VALIDITà

Garden Sporting Center è il centro sportivo a Rimini per eccellenza da oltre 30 anni. I contenuti che leggi in questo blog sono il frutto di analisi di letteratura scientifica ed esperienza diretta dei nostri professionisti, con supervisione ed approvazione finale del Dr. Ermanno Pasini: Medico Dietologo e Presidente della Polisportiva Garden Srl SSD.

Richiedi informazioni





    × Scrivici su WhatsApp